Asprando pater familias a Torri

(Paolo Gestri)

Finalmente un contadino nella storia.

Di nome Asprando,di professione massaro, vivente a Torri prima dell’anno Mille. Lo cita un documento del 982 in cui tal conte Lotario dei Cadolingi dona alla cattedrale di Pistoia alcune terre una delle quali “in loco Turri” coltivata dal nostro storico personaggio.In quel tempo Torri era un castello, come testimonia il suo stesso nome, ed era di estrema importanza considerata anche la vicinanza con la famosa Badia a Taona, un monastero che dettava legge su di una zona vastissima sui versanti pistoiese e bolognese.
Non per nientel’ebbe a cuore la stessa contessa Matilde di Canossa, quella che, papalina, tenne fuori una notte il potente imperatore.
Apsrando lo prendiamo appunto come il pater familias del paese alto sull’appennino e luogo di transito di una via altomedievale tra la Tuscia e la Lombardia ( oggi Toscana e Emilia): un monumento se lo meritava proprio e finalmente gli è stato innalzato un bassorilievo, opera dello scultore Giorgio Fraino di Pistoia.
L’inaugurazione è avvenuta ai primi di agosto, alla presenza dell’assessore alla cultura del Comune di Sambuca, Edgardo Ferrari cinto per questa “grande occasione” della solenne fascia tricolore.
Asprando era un longobardo, o almeno di quella stirpe. Ne è spia ancora una volta il nome, ma anche la storia conferma, Torri si trovava infatti sulla linea difensiva ( o offensiva, dipende dai punti di vista) che i Longobardi avevano costruito in faccia a quella dei Bizantini, attestati a guardia delle valli del Reno e del Sambro.
Gli abitanti di Torri ostentano fieri il documento col nome del loro prezioso testimone peché con esso possono dimostrare, carta alla mano, una storia anteriore alle più celebrate Pavana citata dal 998, e Sambuca datata la prima volta nel 1055.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.